El Bañuelo e i bagni arabi di Granada

El Bañuelo e i bagni arabi di Granada

5 Aprile 2021 Off Di Carmen Cortés

Al pari dell’Alhambra, quando si parla di Granada è impossibile non affrontare il tema dei suoi famosi bagni arabi, ovvero i cosiddetti hammam. Mi piaceva l’idea di trattare questo interessantissimo argomento combinando aspetti storici – com’è il caso del famoso Bañuelo – con informazioni prettamente orientate al relax e benessere del corpo.

Non me ne vogliano i puristi! 

Cosa sono i bagni arabi?

Trattandosi di un luogo così importante per la cultura andalusa, una piccola introduzione penso sia più che dovuta.

bagni arabi granada

El Bañuelo

All’inizio del quartiere dell’Albayzin di Granada ci si imbatte subito nel famoso bagno El Bañuelo, noto anche con il nome di Baño del Nogal o anche Hammam al-Yawza. L’origine di questo hammam risale al XI secolo, al tempo del regno dei Zirí. Al contrario dei bagni arabi ospitati all’interno dell’Alhambra, in gran parte distrutti a seguito del ritorno dei Re Cristiani, l’hammam del Nogal si è in gran parte conservato e mantenuto, tant’è che è stato dichiarato patrimonio nazionale. L’intervento di restauro portato a termine nel 1918 ha poi contribuito a valorizzare ulteriormente le peculiarità del posto.

Per quale ragione le autorità Cristiane distrussero questi luoghi?

Poiché i bagni arabi venivano visti e considerati come posti promiscui e oziosi, non in linea con la morale cristiana appunto. Ciò che permise al Bañuelo di “salvarsi” fu l’accesso mascherato. Tutt’oggi infatti vi si entra da una specie di patio.

Caratteristiche e particolari

Ciò che colpisce visitando questo posto è senza dubbio lo stato di conservazione degli elementi architettonici, a partire dal colonnato piuttosto che le decorazioni sulle volte a forma di stella.

Proprio quest’ultime rappresentano un dettaglio che permetteva di unire raffinatezza estetica a funzionalità, poiché le aperture permettevano un ricambio maggiore d’aria consentendo così una maggiore salubrità degli ambienti.

La prima stanza che si incontra dall’ingresso è quella fredda, per poi passare alla stanza tiepida – leggermente più ampia – per finire con la stanza calda. L’ambiente di riferimento all’interno di ogni hammam.

Orari e prezzi della visita

Per poter accedere ai “Bagni del Nogal” sono previsti due orari di riferimento, a seconda della stagione dell’anno in cui ci si trova a Granada.

  • Orario estivo: dal 1 di maggio al 14 di settembre, dalle ore 09:30 alle 14:30 e dalle 17:00 alle 20:30 (lunedì e domenica compresi)
  • Orario invernale: dal 15 settembre al 30 aprile, dalle ore 10:00 alle 17:00 (dal lunedì alla domenica)

Il giorni di chiusura sono il 25 dicembre e il 1 dell’anno.

Il biglietto d’ingresso al Bañuelo costa appena 5 euro e – oltre ai bagni arabi – ti da l’accesso a molti altri luoghi d’interesse situati sempre nell’Albayzin tra cui: il Palacio de Dar al-Horra, il Corral del Carbón,  la Casa Horno de Oro. Il ticket può essere comodamente acquistato all’ingresso dei bagni, o in ciascun’altra principale attrazione della città, inclusa l’Alhambra. Come in molte città italiane, la domenica invece è previsto l’ingresso gratuito per tutti i visitatori.

Dove si trova

Il Bañuelo è situato ai piedi dell’Alhambra e dell’Albayzin, trovandosi nella parte bassa della città proprio in prossimità del fiume Darro.

Nello specifico l’indirizzo è Carrera del Darro 31.

La zona è difatti al crocevia di ogni possibile destinazione ed è quindi comodissima da raggiungere a piedi. Considera che da Plaza Nueva sono 5 minuti a piedi. Nel caso ti trovassi al di fuori dell’area centrale, i bagni sono comunque serviti dall’autobus urbano: linea C1 o C2, fermata Bañuelo.

Bagni arabi in funzione

Arrivati a questo punto, non sarebbe del tutto normale se mi dicessi che non ti è venuta voglia di provare un vero bagno turco! Ebbene a Granada, oltre a resti perfettamente conservati del passato, è possibile trovare delle ottime strutture che continuano ad offrire esperienze similari a quelle di un tempo. Il mio consiglio spassionato, che tu sia o meno un appassionato del genere, è di non perdere l’opportunità di provare un autentico bagno arabo proprio nel cuore dell’Andalucia.

Hammam Al Andalus

Si tratta del principale centro termale a Granada, e l’unico che propone l’esperienza del bagno turco proprio all’interno di un fantastico palazzo moresco.

L’Hammam Al Andalus è ubicato in calle Santa Ana 16, non molto distante anch’esso dal Bañuelo e dall’Alhambra.

Attraverso il nostro partner Get Your Guide è possibile prenotare direttamente online l’ingresso all’hammam, senza alcun costo aggiuntivo. Considera che, essendo la struttura abbastanza di nicchia, i posti a disposizione sono limitati e la prenotazione anticipata è obbligatoria.

Le opzioni a tua disposizione sono le seguenti:

  • Ingresso semplice: accesso di un’ora e mezza nel bagno arabo, con possibilità di bagnarsi nelle tre vasche con acqua calda, tiepida e fredda. Incluso anche l’accesso alla sale relax e tè. Costo del biglietto 32 euro.

Prenota il Ticket

  • Ingresso + Massaggio: ticket che ti permette l’accesso di 1 ora e mezza nelle tradizionali vasche del bagno arabo con l’aggiunta di un massaggio rilassante di 15 minuti. Costo del biglietto 52 euro.

Prenota il Ticket

Durante la permanenza nell’hammam è gradito il silenzio. Rispetto all’orario prenotato, è consigliabile arrivare con qualche minuto d’anticipo per consentire l’ingresso in orario. Avrai inoltre a disposizione asciugamani e saponi per la doccia.